III Municipio – ACDS Group; Cronaca della partita

III Municipio – ACDS Group 1-0

Alla terz’ultima di campionato arriva il primo, immeritato stop per le tigri che cadono in casa del III MUNICIPIO: il gran caldo, la scarsa vena degli avanti gialloblu e un arbitraggio quanto meno “discutibile”, sono le cause che spiegano la prima sconfitta di una cavalcata fantastica. Al 5° gol annullato a Dibari per sospetto fuorigioco e 5 minuti più tardi sempre Dibari viene ammonito per simulazione dopo essere stato atterrato in area. Al 25° ghiotta doppia chance per l’Acds che, prima con Federici, ben lanciato da Pizzuti, e poi con lo stesso Pizzuti, sfiora il vantaggio, mettendo a dura prova i riflessi del portiere avversario. Alla mezz’ora è ancora Pizzuti a rendersi pericoloso con un colpo di testa che si spegne sul fondo e al 38° Pianelli calcia a lato. Al 40° Dibari si cimenta in un vero e proprio slalom speciale, dribblando in sequenza ben quattro avversari, ma il tiro si spegne fuori. Si va al riposo con un bugiardo e tutt’altro che scialbo 0-0. La ripresa inizia con una bella parata di Mattogno che respinge la prima conclusione a rete dei padroni di casa. Il caldo preme, il ritmo cala e la spinta dei gialloblu non è più quella della prima frazione di gioco: al 30° arriva l’inaspettato vantaggio del III MUNICIPIO con il numero 7 che s’invola in dubbia posizione di fuorigioco e trafigge l’incolpevole Mattogno con un perfetto diagonale. Le tigri non ci stanno e ce la mettono tutta per evitare la prima sconfitta dell’anno e chiudere imbattuti il torneo, ma oggi proprio non è giornata: Zuccari sfiora il gol con un bel colpo di testa che finisce sul fondo e poi, fino alla fine, tante occasioni confuse che non vengono concretizzate un po’ per cattiva sorte, un po’ per l’imprecisione dei gialloblu. Resta l’amaro in bocca per uno stop immeritato, ma nulla più: a questi ragazzi vanno fatti solo i complimenti per aver inanellato record su record e per un campionato condotto fin dal primo momento col piglio dell’indiscusso padrone.

RM