ACDS Group – MarNa Calcio – Cronaca della partita

Acds Group CAMPIONE – Marna 9-0
Federici
Di Bari
Di Bari
Di Bari
Federici
Sibio
Zuccari
Prati Matteo
De Vincenzi

Nell’ultima casalinga della stagione al Torre Angela si presenta il Mar. Na, in piena zona play out, ma la prima battuta d’arresto dei gialloblu della scorsa giornata, ha fatto sì che per gli ospiti sia stata una domenica di autentica passione, impotenti davanti allo strapotere tecnico e fisico delle tigri. Pronti, via e Sibio, schierato trequartista nel 4-3-1-2 varato da mister Rubenni, imbecca Federici che fa subito 1-0. Il raddoppio è da manuale del calcio e vale la pena raccontarlo fotogramma per fotogramma: azione iniziata dalla porta, lancio a sinistra per Marcotulli, appoggio per Florio, che apre su Colucci, sovrapposizione sulla destra di Zuccari, passaggio di prima a Sibio, che lancia sull’out Federici, cross al centro per Dibari e gol di tacco al volo. Chapeau. Il terzo e quarto gol portano ancora la firma di Dibari, su assist di Federici. In apertura di ripresa, dopo una girandola di sostituzioni, ancora a segno l’Acds con Federici; il sesto gol lo timbra Sibio ed è di pregevolissima fattura: Federici semina tre avversari sulla fascia sinistra e mette al centro testa di Florio per Sibio che insacca in semirovesciata. Il primo set se lo aggiudicano i gialloblu,’: ma il match non finisce qui. C’è voglia divertirsi e di divertire il grande pubblico accorso al campo per concedere il doveroso tributo ai propri beniamini. Il settimo gol è di Zuccari, a seguito di una poderosa percussione in area; pochi minuti dopo è Matteo Prati a colpire l’incrocio quasi da centrocampo su calcio da fermo. L’ottavo gol è lo stesso Prati a segnarlo, dopo un bel fraseggio De Vincenzi- Besi-Federici. Il nono e ultimo gol di giornata lo sigla De Vincenzi che, da vero rapinatore d’aria, trasforma in rete un bel cross di Besi. Al fischio finale è festa gialloblu, con tutta la rosa al completo, la dirigenza e il pubblico, che non ha fatto mai mancare il suo appoggio ai ragazzi di patron Miscoli. Una citazione doverosa a margine per una vecchia gloria gialloblu, Tonino Suriano, assente alla festa per un impegno inderogabile: sempre presente nell’arco di questo decennio, prima come roccioso difensore, poi come dirigente, quando la carta d’identità e gli acciacchi di una lunga carriera gli hanno impedito d’indossare gli scarpini. Anche a lui, per la dedizione e il grande senso di appartenenza mostrato in tutti questi anni, va l’applauso di tutti.

RM