ACDS Group – Marino. Cronaca della partita

Acds Group – Marino 2-2
Pizzuti
Di Bari (rig)

C’è sempre una prima volta e anche per la fuoriserie gialloblu arriva il primo pareggio casalingo (il secondo in tutta la stagione) contro un Marino che, pur non rendendosi spesso pericoloso, sfoggia una prestazione da dieci. Dieci, proprio come i punti che ora separano l’Acds dal San Cesareo: sì, perché nelle annate magiche anche quando non vinci, la seconda perde!
I fuochi d’artificio sono tutti nella prima frazione di gioco: quattro gol e match divertentissimo. Secondo tempo, invece, scialbo e povero d’emozioni. Tigri già pericolose al 7° con Di Bari che calcia da posizione favorevole, ma il portiere para. Due minuti dopo è Pizzuti a tirare da distanza ravvicinata, ma il tiro trova la respinta del portiere in angolo. Dalla bandierina va De Vincenzi, capitan Prati segna di testa, ma l’arbitro annulla per un presunto fallo a centro area. Al quarto d’ora cross di Cremolini, atterramento in area di Di Bari e rigore sacrosanto. S’incarica della battuta lo stesso Di Bari, che si fa respingere il tiro dall’estremo difensore del Marino.
Gol mancato, gol subito: due minuti più tardi, punizione dal limite per gli ospiti che, senza aver ancora messo il naso fuori dalla loro metà campo, vanno in vantaggio. Anzi, al 25° sfiorano addirittura il raddoppio con un gran tiro dalla distanza che si spegne di poco a lato. I gialloblu attaccano, ma le trame non sono fluide e incisive come ci hanno abituato in questa stagione e al 37° gli ospiti raddoppiano su una grande ingenuità: fallo laterale a favore con conseguente appoggio regalato agli avversari, da li nasce un traversone che attraversa tutta l’area finendo preda dell’attaccante avversario che, dagli undici metri, ha il tempo di stoppare e calciare a rete.
Clamoroso al Torre Angela: capolista sotto di due gol. Ma la forza d’urto dei primi della classe è tale da poter ribaltare (o almeno raddrizzare) il match in pochi minuti: al 39° Pizzuti accorcia le distanze e al 40° di nuovo penalty solare per atterramento in area su Di Bari. Questa volta l’attaccante non sbaglia e sigla il meritato pareggio. Due a due e prima dell’intervallo c’è ancora spazio per una bella punizione di Di Bari e per una mezza sforbiciata di Cremolini di poco sopra la traversa.
Squadre negli spogliatoi dopo un primo tempo intenso, dove è praticamente successo di tutto. La ripresa si apre con l’Acds che prova a vincere la partita: è subito Zuccari a sfiorare il gol con un colpo di testa che va fuori di poco. La gara scivola via senza altre azioni degne di note, con continue interruzioni che spezzano il ritmo gialloblu ed il Marino chiuso per blindare un punto d’oro in casa della capolista. Allo scadere Federici, ancora di testa, incorna e va vicino a quella che, tutto sommato, sarebbe stata una vittoria meritata. Non succede più nulla fino al triplice fischio finale. Un punto di divario in più sulla seconda (ora a meno dieci), una partita in meno da giocare. In una domenica meno brillante del solito (da ricordare anche i tanti infortunati e acciaccati), le tigri allungano di una lunghezza sulla diretta inseguitrice. La marcia trionfante va ripresa già dalla prossima giornata: ma oggi un passo in più verso l’obiettivo finale è stato comunque compiuto.

RM